Contabilizzazione indiretta

La contabilizzazione indiretta è l’unica soluzione adottabile in presenza di impianti centralizzati a distribuzione verticale, ovvero caratterizzati da colonne montanti che distribuiscono il fluido termovettore (acqua calda) ai corpi scaldanti dei vari appartamenti posti sui diversi piani lungo la stessa dorsale.

In questo sistema quindi si avranno tante colonne dalle quali si diramano i singoli tubi necessari a riscaldare i termosifoni delle diverse unità immobiliari.

La contabilizzazione indiretta si basa sulla valutazione dell’energia prelevata dall’utenza attraverso la misura di parametri di proporzionalità dell’emissione termica (differenza tra temperatura media superficiale del corpo scaldante e temperatura ambiente), nota la potenza termica nominale del corpo scaldante.

Nella contabilizzazione indiretta, a causa dell’impossibilità di identificare il circuito relativo ad una determinata unità immobiliare, possono essere utilizzati rispettivamente:

ripartitori di calore (apparecchiature di misura conformi alla UNI EN 834) che vengono installati su ciascun corpo scaldante (previa parametrizzazione secondo le dimensioni, modello e potenza del termosifone).
 
altri sistemi di contabilizzazione con metodo indiretto che non richiedono l’installazione di strumenti di misura sul corpo scaldante; questi sistemi sono conformi a due norme di riferimento: UNI 9019 (che si basa sul calcolo dei gradi giorno confrontando la temperatura ambiente e quella esterna) e la UNI TR 11388 (che si basa sulla differenza fra temperatura media dell’acqua di mandata/ritorno e quella ambiente convenzionale). Entrambi i metodi di calcolo necessitano l’acquisizione della potenza termica del termosifone calcolata in base alle dimensioni ed al modello del corpo scaldante.
 

La contabilizzazione indiretta è obbligatoriamente correlata ad un sistema di termoregolazione individuale che può essere di due tipologie: manuale o elettronica.

- Le "testine" di tipo manuale sono sostanzialmente delle manopole poste sulle valvole termostatizzabili installate su ogni corpo scaldante, che permettono di regolare la temperatura su 5 livelli (step da 1 a 5). All’interno di questo dispositivo è installato un sensore che reagisce al variare della temperatura ambiente chiudendo ad aprendo la valvola. Pur garantendo una discreta precisione nella regolazione della temperatura, questo tipo di testina ha l’inconveniente di reagire lentamente alle variazioni ed obbliga l’utente ad intervenire su ogni corpo scaldante per qualsiasi modifica.

- Le "testine" di tipo elettronico sono generalmente abbinate ad un cronotermostato/programmatore che, opportunamente sincronizzato, permette di suddividere in più zone l’unità abitativa e termoregolare in maniera molto precisa la temperatura ambiente, anche in diverse fasce orarie.

L’utente potrà scegliere, in base alle sue esigenze e necessità, il sistema più consono.

Informazioni

EMMETI S.n.c. di Squaratti Clemente

P. IVA 00610640146

Via dei Sedini, 47/C
23017 Morbegno (SO)
+39 0342.612459
+39 0342.610386
info@emmetisnc.com

Unità Operativa
Via Torricelli, 35/A
20851 Lissone (MB)
+39 039.2456754

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità e sulle nostre iniziative.

Certificazioni

Kiwa - certificazione ISO 9001:2008

Certificazione ISO 9001:2008

Certificate: KI-050825


Patentino Frigoristi

Certificazione di conformità F-gas

Certificate: KI-079434